Percosse, schiaffi e calci agli ospiti, tutti ultrasettantenni, della casa di riposo “L’accoglienza” di Nuoro, la maggior parte perpetrate dai due operatori socio-sanitari finiti in carcere, Ignazio Poggiu e Gianluca Porcu. Spesso gli anziani venivano legati e chiusi in una stanza, specialmente di notte in maniera tale che gli operatori non fossero disturbati. La mattina venivano svegliati prestissimo, preparati e lasciati in stanza, al freddo. Sono alcuni dei dettagli dall’operazione che questa mattina ha portato all’arresto della direttrice della struttura, finita ai domiciliari, ed altre tre misure cautelari, tutti accusati di maltrattamenti ed abusi nei confronti di anziani ricoverati. Presi di mira maggiormente, e con maggiore crudeltà, i disabili che invece vrebbero richiesto attenzioni ancora più amorevoli. La struttura era già stata sottoposta a sequestro preventivo dalla polizia l’8 giugno del 2015 in relazione a una serie di gravi carenze igienico sanitarie, poi parzialmente eliminate

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, commercianti bengalesi si ribellano e denunciano il pizzo: 10 arresti a Ballarò

next
Articolo Successivo

Pordenone, ladro colto in flagrante. Ma scarcerato per 17 minuti di ritardo nell’udienza di convalida

next