La prima uscita pubblica di Denis Verdini a sostegno del Pd è stata a Cosenza, dove il leader di Ala era al fianco del candidato a sindaco Carlo Guccione. Ma per Verdini non c’è nulla di strano: “Avendo molti amici in Calabria, abbiamo pensato di affiancarci in questa esperienza che per noi vuole essere anche una verifica”. L’incontro è stato incentrato sui temi della riforma e della giustizia. “Abbiamo partecipato alla scrittura delle riforme e, quindi, – spiega Verdini – siamo profondamente convinti che debbano essere portate in fondo”. Capitolo a parte sono i cinque processi nei quali è imputato Verdini. “Se qualcuno dimostra che io ho rubato un solo euro – dice – sono pronto a dimettermi da senatore. Io non sono uno di quelli che dice che ho fiducia nella giustizia. Non ci penso proprio. Chi è la giustizia? È fatta di uomini e di donne, di magistrati e di pubblici ministeri. Io ho fiducia nei fatti. Punto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini: “Multa non pagata? Autovelox sono truffa”. Ma il ricorso è per il suo ruolo politico

prev
Articolo Successivo

Comunali Roma, Giachetti: “Nessun verdiniano in mie liste. Raggi? Da sindaco deciderà lei o staff anonimo?”

next