A meno di un anno da ritorno in edicola, nuovo cambio ai vertici della direzione L’Unità, il giornale fondato da Antonio Gramsci e di cui il Pd possiede il 20%. Secondo quanto rivelato dal Corriere della Sera, dal 1° giugno Erasmo D’Angelis sarà sostituito da Riccardo Luna, già alla guida de Il Romanista e di Wired.

Consulente di Renzi per il digitale, era intervenuto dal palco della Leopolda per sostenere il bisogno d’innovazione in Italia. Inoltre lo scorso 28 aprile era stato ospite di “Matteo risponde” per parlare “dell’iniziativa ‘Internet Day’ – aveva scritto su Facebook il presidente del Consiglio nella presentazione dell’appuntamento web – e di tutti gli impegni italiani sulla banda larga e la sfida digitale”.

Per D’Angelis si profila un ritorno al passato, ovvero a Palazzo Chigi visto che, prima di guidare il quotidiano, era coordinatore della struttura di missione contro il dissesto idrogeologico #italiasicura. Era stato chiamato dallo stesso Renzi nel 2014.

Alla base del cambio ci sono i conti dissestati de L’Unità, che si avvia a un pesante ridimensionamento della redazione. “Per contenere i costi – scrive il quotidiano di Via Solferino – l’editore prevede di dimezzare il numero dei giornalisti: da 33 a 16″. Un’operazione “avviata sotto la supervisione” del presidente del Consiglio, motivata dai conti. In profondo rosso. Il giornale infatti, dalla riapertura dell’anno scorso, ha perso “oltre 250mila euro al mese”, arrivando a vendere soltanto 8mila copie al giorno a fronte delle 60mila stampate.

I tagli riguarderanno per prima – e in maniera più pesante – l’edizione cartacea, che torna al formato tabloid. Il ruolo di Luna sarà determinante per un rilancio della testata sulle piattaforme social e attraverso il canale unità.tv, “anche per giocare la dura battaglia in vista del referendum di ottobre sulla riforma costituzionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cyberbullismo, attacco ai giornalisti. Il trolling più crudele? Riservato a donne di tutte le età

next
Articolo Successivo

Fatto Social Club: qui i poteri forti non arrivano

next