Su Twitter ho condannato duramente il gesto di strappare il libro di Salvini, perché i libri non si distruggono mai. Ma come esiste la libertà di Salvini e nostra di scrivere qualsiasi libro, il proprietario della libreria deve essere altrettanto libero di vendere quello che gli pare“. Così a L’Aria che tira (La7) il direttore de ilfattoquotidiano.it, Peter Gomez, si pronuncia sul caso della libraia di Vigevano, Ludovica Giuliani, presa di mira su Facebook dal leader del Carroccio perché si è rifiutata di vendere il suo ultimo libro. “Si chiama ‘libero mercato'” – sottolinea Gomez – “Poi i suoi clienti decideranno se continueranno a frequentare la sua libreria o no. Dobbiamo difendere il diritto di dire qualsiasi cosa, anche se non ci piace: chi contesta la scelta della signora la critichi, ma non può insultarla“. Sempre in tema di internet, il direttore de ilfattoquotidiano.it, commentando il fenomeno social incarnato dal cantante Gianni Morandi, osserva: “Nel momento in cui la cronaca da anni è piena di cattive notizie, le buone notizie cominciano a fare notizia. Sul nostro sito c’è, ad esempio, una rubrica, “Cervelli in fuga”, che racconta le storie positive di italiani emigrati all’estero. E, quando possiamo, raccontiamo storie di realtà che funzionano, dalle aziende alle associazioni. La verità è che siamo tutti indignati, ma molti di noi hanno capito che, dopo tanti anni, la legittima indignazione va sostituita con l’impegno“. Gomez esalta l’importanza della gentilezza in un confronto e aggiunge: “Siamo stufi delle brutte parole e degli insulti. Io stesso su Twitter di solito rispondo ai singoli utenti, cercando di ragionare. E se uno mi insulta, non è che lo mando a quel paese. Su ilfattoquotidiano.it troverete, nella colonna sinistra dei blog, molte critiche al governo, separate però dai fatti e dalle notizie. Ma non troverete mai un titolo del tipo ‘Renzi vaffanculo'”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Filippo Nogarin, Di Maio (M5S): “Vogliamo sapere che condotta gli si contesta”

prev
Articolo Successivo

TgLa7, Mentana: “Servizio non parte? Vogliono imitarci e noi ribadiamo supremazia nell’inefficienza”

next