La commissione elettorale ha respinto l’istanza di riammissione delle liste in appoggio di Stefano Fassina, candidato sindaco a Roma per Sinistra Italiana e altri partiti di sinistra. “Domani – ha annunciato lo stesso Fassina su twitter – presenteremo il ricorso al Tar. Noi andiamo avanti”. L’istanza di “revisione in autotutela” era stata presentata ieri dagli avvocati in modo da rimettere in corsa le liste Fassina sindaco e Sinistra per Roma. Due le motivazioni – a seconda dei casi – per le quali la commissione elettorale circondariale ha escluso le due liste: in alcuni casi è stata verificata l’assenza della data nei moduli di presentazione; in altri (solo per alcuni municipi) è stato invece usato un modulo vecchio che non prevede l’indicazione delle direttive previste dalla legge Severino in merito alle cause d’incompatibilità.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manifesti elettorali, a Bologna candidato mette il sedere di una modella sul volantino

next
Articolo Successivo

Livorno, dove la trasparenza non paga

next