Alla Camera del Lavoro di Milano ieri so è aperta la campagna del Comitato metropolitano milanese per ilNo‘ alla riforma costituzionale. Sala gremita per l’incontro dal titolo: ‘La democrazia, un bene comune‘. Tra i relatori: il magistrato Armando Spataro, Vittorio Angiolini, Aldo Giannulli, Roberto Cenati e Moni Ovadia. Proprio quest’ultimo dal palco ha tuonato: “Il premier che vuole con tutte le sue forze questa riforma, è salito alla carica di presidente del Consiglio ‘fottendo’ un suo collega di partito. Siamo arrivati a questo punto – afferma il drammaturgo -, perché abbiamo ceduto il passo alla dea Kali dei moderati. Si fottano i moderati”. La platea ha risposto con un fragoroso applauso. Spataro invece sul tema ha dichiarato: “La riforma? Se c’è una cosa che non ha a che fare con le funzioni di governo, è proprio la Costituzione” (video dell’Agenzia Fotogramma di Milano)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Doping a Foggia, svolta nella morte di un culturista: arrestato ex campione del mondo di body building

prev
Articolo Successivo

Terremoto Friuli 1976, Mattarella: “Grazie ai friulani per la determinazione di ricostruire tutto come era prima”

next