E’ Claudio Imperio, di 49 anni, ex campione mondiale di body building over 40, l’uomo arrestato a Foggia per commercio illegale di sostanze dopanti che assumeva e commerciava lui stesso. L’arresto è avvenuto nell’ambito dell’inchiesta sulla morte, avvenuta lo scorso 17 aprile, del culturista 30enne Gianni Racano. La squadra mobile di Foggia e la guardia di finanza hanno eseguito una serie di perquisizioni in palestre, abitazioni e locali in uso ad Imperio scoprendo che di recente c’è stata una massiccia assunzione di farmaci dopanti dei quali sono state trovate numerose fiale e siringhe con residui di farmaci e fazzoletti intrisi di sangue. Inoltre, sono state sequestrate numerose scatole contenenti farmaci dopanti di dubbia provenienza nonché alcuni scritti sui quali era attestata la compravendita dei farmaci con altri atleti. Le sostanze sequestrate riportano indicazioni in lingua straniera e non è presente il contrassegno del ministero della Salute

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tarvisio (Udine), il valico da dove Vienna ci rispedisce illegalmente i suoi migranti

prev
Articolo Successivo

Referendum riforme, Comitato Milano per il No. Spataro: ‘Costituzione non ha a che fare con funzioni di governo’. Sfogo di Ovadia

next