Ti do una lezione io” sono le parole che il vice sceriffo Charlesetta Hawkin, in servizio presso il carcere della contea di Chatham (Georgia, Usa), ha rivolto al detenuto Jonathan Mahone prima di spruzzargli in faccia dello spray urticante. Mahone si trovava legato ad una sedia di contenimento per aver allagato 3 celle del penitenziario e quando l’agente Hawkin si è avvicinata a lui, le ha lanciato uno sputo. Così il gesto di vendetta del vice sceriffo che però non è rimasto impunto. Infatti, la Hawking è stata licenziata ed arrestata con l’accusa di crudeltà contro un detenuto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brennero, Austria prepara barriera: “250 agenti, controlli in Italia”. E inasprisce legge sull’asilo. Renzi: “Viola regole Ue”

next
Articolo Successivo

Regeni, 15 giorni di proroga per il fermo del consulente. Egitto: “Il suo arresto non c’entra col caso di Giulio”

next