Niccolò Porcella, surfista sardo trapiantato alle Hawaii, è il vincitore del Wipeout of the Year 2016 per il volo del 22 luglio 2015 a Teahupoo, Tahiti. La caduta, che alcuni definirono “il più pesante wipe out della storia del surf”, lasciò col fiato sospeso i presenti che osservavano la gara dalla costa per diversi istanti. Poi, per fortuna, Porcella riemerse dall’acqua. “Il giorno più bello della mia vita è stato quando ho sposato mia moglie, questo è il secondo. Mi sono sentito grato che fossi vivo, ero felice”, disse poi il surfista, che oggi potrà sorridere per il premio ricevuto. Video dalla pagina Youtube del WSL Big Wave Awards

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addormentarsi alla guida… dello scooter. Ma il tailandese resta in sella (a lungo)

next
Articolo Successivo

Elezioni Serbia, Vucic trionfa con oltre il 50%. L’estrema destra di Seselj torna in Parlamento

next