“Tutto si sta muovendo secondo i piani, la macchina organizzativa sta funzionando come doveva. L’emergenza in mare è stata aggredita, quella sul fiume è sotto controllo. Il sistema di difesa ha tenuto nonostante le piogge che sono arrivate come ampiamente previste dal nostro sistema meteo”. Lo ha detto il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, nel corso del sopralluogo sul Polcevera per fare il punto sull’emergenza petrolio a Genova. Il gruppo di lavoro regionale ha partecipato in mattinata alla nuova riunione del tavolo tecnico in Prefettura, nato nei giorni scorsi su iniziativa della Regione, per fare un aggiornamento sui lavori. “Le operazioni di recupero a terra del materiale sversato stanno per essere ultimate – ha detto l’assessore alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone – con uno spiegamento di forze che si è rilevato fondamentale per affrontare l’emergenza meteo delle ultime ore”. Secondo i monitoraggi tecnici in corso le chiazze attualmente rilevate sono molto a largo della costa savonese e imperiese e non destano preoccupazione inoltre le correnti le stanno indirizzando verso la Francia. Nei prossimi giorni la Regione Liguria sarà impegnata a monitorare costantemente il materiale in mare al fine di eseguire tutti gli interventi possibili per garantire la massima sicurezza, anche in vista della stagione estiva, del nostro litorale con delle analisi specifiche da parte dei tecnici di Arpal

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Petrolio Genova, perché l’effetto domino delle alluvioni va preso sul serio

next
Articolo Successivo

Petrolio Genova, cede diga per pioggia: chiazze di greggio in mare. Toti: “Dopo l’intervento coste al sicuro. Basta frignoni”

next