Dopo la video-inchiesta di Italian Offshore andata in onda a Piazzapulita (La7) dell’11 aprile scorso sul mondo dell’estrazione di idrocarburi nei mari italiani sullo sversamento nascosto per anni, l’inquinamento causato dalle acque di produzione dalle piattaforme, la Capitaneria di Porto delle Marche – come riporta il Corriere Adriatico – “ha avviato un’indagine”. “Si tratta di accertamenti preliminari per chiarire la consistenza della denuncia dei giornalisti – riporta il quotidiano locale -. Perciò è stato ascoltato il proprietario della barca che ha  accompagnato la troupe televisiva fino alle piattaforme Brenda e Basil, a 25 chilometri dalla costa pesarese (strutture collegate con un gasdotto alla centrale Eni di Fano) e sono state avviate verifiche documentali”. “L’interesse investigativo, in particolare, è suscitato dalla possibilità, riferita nel video sulla base di una fonte riservata del ministero dell’Ambiente, che le  acque di risulta della lavorazione contengano, oltre a  materiali pesanti e idrocarburi, anche materiale radioattivo”. Vi riproponiamo l’inchiesta esclusiva andata in onda

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coldiretti, blacklist dei cibi contaminati: broccoli dalla Cina e fragole dall’Egitto

next
Articolo Successivo

Cibi contaminati: dalla pizza con salsa cinese al broccolo, attacco al made in Italy

next