Roberto Giachetti, candidato del Partito Democratico a sindaco di Roma, si è presentato in Commissione Antimafia con tutte le liste che sostengono la sua candidatura per sottoporle al vaglio preventivo della commissione parlamentare presieduta da Rosy Bindi. “Come annunciato, questa è una svolta che non era mai accaduta in questa città. Gli altri candidati – continua Giachetti – facessero quello che gli pare. La sensazione è che gli altri stanno facendo quello che facevano prima i partiti: le giunte con le anime. Io la giunta la deciderò io e la presenterò quindici giorni prima del voto. Altri come Virginia Raggi annunciano che le faranno insieme alle anime del partito a Roma. Ai tempi nostri si diceva correnti, oggi anime, ma il risultato non cambia”, ironizza il vicepresidente della camera dei Deputati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, Casapound si candida: “Salvini? Ha fallito, a noi preferisce FI, Lupi e Passera”

next
Articolo Successivo

Roma 2016, Berlusconi e Salvini litigano. Sfuma accordo su Meloni: Bertolaso ancora in campo

next