Cari amici, oggi ho voluto stare con voi. Voglio dirvi che non siete soli“. Lo ha detto il papa rivolgendosi ai profughi ospiti al Moria Refugee Camp a Lesbo. “Avete fatto grandi sacrifici per le vostre famiglie, conoscete il dolore e sono venuto qui con i miei fratelli, il patriarca Bartolomeo e l’arcivescovo Hieronimos, semplicemente per stare con voi e per ascoltare le vostre storie”. Il Papa ha stretto le mani a molti dei 150 bambini in prima fila e ha raccolto messaggi e lettere che gli sono stati consegnati dai migranti. Di fronte al disegno di bimbo profugo afghano il Pontefice ha chiesto l’aiuto dell’interprete per fargli i complimenti. “Bisogna conservarlo”, ha detto rivolto a uno dei monsignori al suo fianco. “Che non si perda, lo voglio mettere sulla mia scrivania”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco a Lesbo, 12 profughi a Roma con il Pontefice. Ospiti Sant’Egidio

next
Articolo Successivo

Migranti, volontari occupano stabile a Roma per creare Baobab 2: sgombero immediato tra tafferugli

next