Rapine, furti con spaccata in esercizi commerciali, truffe, ricettazioni e spaccio di droga: sono le accuse, a vario titolo, nei confronti di otto giovani italiani arrestati stamattina dai carabinieri della compagnia di Rivoli, nel Torinese, su ordine di custodia cautelare spiccato dal gip Ambra Cerabona. Facevano parte di due bande. I componenti di una, in particolare, utilizzavano l’auto della madre di uno di loro, che veniva parcheggiata lontano affinché non fosse identificata, per compiere gli assalti. Tra gli arrestati c’è anche un ex dipendente della Tre, la compagnia telefonica presa di mira. L’indagine, coordinata dal pm Sabrina Noce, è stata avviata nell’agosto del 2015 dopo una rapina a mano armata avvenuta a Grugliasco. Oltre agli otto arrestati è al vaglio la posizione di alcuni minorenni, di cui si sta occupando la procura competente

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, casali mai restaurati da Mezzaroma. La coop Coraggio: “Il Comune perde 2 milioni, noi il lavoro”

prev
Articolo Successivo

Massoneria: Grande Oriente spaccato su Bisi, il Gran maestro indagato a Siena. Rischio frattura come ai tempi della P2

next