Il principe Alberto di Monaco ha ricevuto i vertici della Pininfarina e il team di Green GT, per una presentazione privata del progetto H2 Speed che ha debuttato all’ultimo salone di Ginevra. Sensibile alla mobilità verde, il principe da sempre favorisce l’utilizzo di veicoli a basso impatto ambientale. Anche se in questo caso il cosiddetto “utilizzo” non è certo quello di un’auto per il commuting quotidiano: la H2 Speed è infatti la prima auto da competizione a idrogeno al mondo. Che per ora è solo un prototipo ma presto potrebbe diventare una supercar da produzione, seppur limitata. Può contare su un potente gruppo motopropulsore “elettrico-idrogeno” fuel cell da 503 cavalli, che le consente di raggiungere i 300 km/h e andare da 0 a 100 orari in 3,4 secondi rilasciando nell’atmosfera solo vapore acqueo. Il pieno di idrogeno, poi, si fa in soli 3 minuti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hyundai Ioniq vince il premio Red Dot 2016 per il design – VIDEO

prev
Articolo Successivo

Renegade Business, la Jeep in giacca e cravatta

next