In questi mesi i media di mezzo mondo hanno raccontato la “città kasbah” di Molenbeek, il rione dove Salah prima del suo arresto ha trovato protezione e impunità. Il nuovo covo scoperto dalle forze dell’ordine di Bruxelles, quello da cui è partito il commando che ha seminato la morte in aeroporto non è ubicato un quartiere difficile. “E’ un posto tranquillo”, dicono tutti i residenti, belgi e immigrati. Eppure al quinto piano di un anonimo palazzo la polizia ha trovato quindici chili di esplosivo insieme alle bandiere nere dello Stato islamico. Poco distante, in un cassonetto, il pc in cui Ibrahim El Bakraoui scriveva le sue memorie. Nessuno diceva di conoscere il gruppo di fuoco di Zaventen. Nemmeno il vicino di casa che ricorda il blitz della scorsa notte: “E’ stato terribile. Ora le mie figlie hanno paura di entrare in casa” di Lorenzo Galeazzi e Alessio Pisanò

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentati Bruxelles, cittadini sfidano il terrore: “Continueremo a uscire”

next
Articolo Successivo

Attentati Bruxelles, caos governo: 2 ministri lasciano, dimissioni respinte. Media: “Salah era pronto a sparare”

next