Torneranno in Italia nella serata di martedì 22 marzo le salme di Francesca Bonello e Serena Saracino, due delle studentesse del progetto Erasmus morte nell’incidente stradale di Tarragona, in Spagna. I corpi, che saranno rimpatriati a Pisa con un volo speciale dell’Aeronautica militare, saranno poi trasferiti nelle rispettive città, Genova e Torino. I corpi delle altre 5 vittime italiane – Valentina GalloElena Maestrini, Elisa Valent, Elisa Scarascia Mugnozza e Lucrezia Borghi – saranno invece riportati in Italia giovedì. La conferma è arrivata dall’ambasciatore italiano in Spagna Stefano Sannino che ha precisato che sono ancora in corso alcune procedure burocratiche e finché non saranno ultimate non ci sarà il via libera del giudice spagnolo che indaga sull’incidente. Le autorità iberiche stanno facendo il possibile per accelerare tutti i controlli. Ieri il presidente catalano Carles Puigdemont ha accompagnato il premier Matteo Renzi nella visita a Tortosa, nel cui obitorio sono state sistemate le salme delle vittime.

I funerali di Francesca si celebreranno domani, 23 marzo, nella chiesa del Gesù di Genova alle 11.30. Giovedì mattina, alla chiesa della Gran Madre di Torino, sarà il momento dell’ultimo saluto a Serena.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Obama-Castro, la fine di Cuba è una tragedia geopolitica

prev
Articolo Successivo

Attacchi a Bruxelles, Varvelli (Ispi): “Ho visto il terrore negli occhi degli altri. Ma militarizzare aeroporti e città è inutile”

next