L’anno scorso c’era il volto meraviglioso di Ingrid Bergman, due anni fa il fascino senza tempo di Marcello Mastroianni preso da un fotogramma di Otto e ½ di Federico Fellini. Anche quest’anno il poster del Festival di Cannes 2016 lascia senza fiato.

Il manifesto della rassegna riprende un fotogramma del film Il Disprezzo (Le Mépris), il capolavoro di Jean-Luc Godard con Michel Piccoli e Brigitte Bardot. L’appuntamento sulla Croisette è a partire dall’11 maggio. La Palma d’oro sarà assegnata il 22 maggio.

In attesa di presidente di giuria e cartellone dei film in concorso – forse ci sarà anche un italiano – dalla Francia arriva la notizia che sarà Naomi Kawase a presiedere la giuria della Cinefondation e dei cortometraggi. La regista giapponese deve molto al festival francese: con il film d’esordio Moe no suzaku, diretto nel 1997, vinse la Camera d’or al 5o°festival; nel 2007 con Mogari No Mori vinse
il Grand Prix Speciale della Giuria al 60°, mentre nel 2013 è stata giurata del concorso. Un ruolo prestigioso: in passato presidenti della Cinefondation sono stati Martin Scorsese, Abbas Kiarostami, Jane Campion, Hou Hsiao
Hsien, John Boorman e i fratelli Dardenne.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

I film visti da Bertarelli: “Truth? Nulla di fantapolitico, bel thriller sulle bugie di Bush jr con un grande Redford” (VIDEO)

prev
Articolo Successivo

Un paese quasi perfetto, disastro creativo di proporzioni immani per lo sceneggiatore di Matteo Garrone

next