“Riunire i moderati appoggiando Matteo Renzi per chi non vuol votare Pd”. Il sogno politico del leader di Ala, Denis Verdini, inizia a materializzarsi col ‘Cantiere dei Moderati‘ a Roma, attraverso il lavoro di Enrico Zanetti, sottosegretario di governo e segretario di Scelta Civica e Giacomo Portas, deputato eletto nelle file del Partito democratico e leader de ‘I Moderati’. Sul ‘cantiere’ aleggia il nome di Verdini che era stato invitato, ma che dopo la recente condanna in primo grado per corruzione, ha disertato l’evento. Ma le porte per il fondatore del gruppo ‘Alleanza Liberal-popolare-Autonomie‘ (annunciato tra i presenti per l’evento da i rumors di alcune testate) restano aperte? Per Zanetti: “Porte aperte a chiunque si riconosca nel nostro programma“. Zanetti poi dichiara di appoggiare i candidati del Partito democratico nelle grandi città: Giachetti a Roma, Valente a Napoli, Merola a Bologna e Fassino a Torino. Portas, leader de ‘I Moderati’, secondo partito a Torino e in Piemonte per il centrosinistra nelle ultime elezioni regionali, ex liberale un tempo alleato del centrodestra afferma: “Se la leggi elettorale è questa dobbiamo prenderne atto. Nel 2018 – annuncia – ci presenteremo come movimento politico autonomo. Verdini? Avrà di meglio da fare che sentire me e Zanetti che parlano di moderati”. Alla kermesse arriva anche Serenella Fucksia, senatrice ex M5S che spiega: “Essere oggi moderati vuol dire recuperare un po’ di buon senso. Faccio uno studio comparato per ascoltare tutti. Io con Verdini come la collega Gambaro? No, sono nel fritto misto o insalata mista (il ‘gruppo Misto’ del Senato, ndr) e sto valutando varie ipotesi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mattarella in Africa, le ragioni della missione: caccia ai voti per i seggi all’Onu, lotta al terrorismo e nodo migranti

next
Articolo Successivo

M5s, polemiche dopo stop liste in 5 comuni: “Perdono i cittadini, staff ci metta la faccia”

next