Don Peppe Diana? E’ stato ucciso un’altra volta. Non sono stati i camorristi, ma premier, sottosegretari e ministri”. Così il vice presidente della Camera Luigi Di Maio (M5s) in una lettera che ha deposto sulla tomba di don Peppe Diana a Casal di Principe (Caserta) e con dichiarazioni rilasciate alla stampa dopo la commemorazione per il 22esimo anniversario dell’uccisione da parte dei Casalesi. “Oggi a Casal di Principe va in scena una passerella da parte degli ipocriti di governo. É imbarazzante – aggiunge il deputato pentastellato – che si presentino qui per commemorare don Peppe Diana mentre a Roma bloccano lo stanziamento dei fondi per i familiari delle vittime della camorra“. Poi precisa: “Penso alla moglie e alla figlia dell’imprenditore Domenico Noviello (ucciso dai Casalesi nel 2008, ndr) che si sono visti bloccare i risarcimenti”. Affermazioni forti che hanno suscitato la reazione prima di alcuni esponenti Pd che avevano dichiarato: “Di Maio – afferma il senatore dem Stefano Esposito – fa sciacallaggio”. Poi quella del ministro Maria Elena Boschi (Pd): “Oggi il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio ha dimenticato di essere anche un uomo delle istituzioni: fare bassa propaganda politica, e farla con la menzogna, è davvero deprimente. Non c’è stato nessun taglio ai fondi alle vittime di mafia. Come è noto, il Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso si autoalimenta durante il corso dell’anno in base alle richieste che arrivano e che vengono valutate da un’apposita Commissione”. Pronta la replica di Di Maio: “Apprendo le agghiaccianti parole del ministro Boschi che ha ammesso che il fondo per le vittime di mafia è bloccato dal governo. Certo prima afferma che mento e poi afferma che ho ragione: è la natura schizofrenica del politica del Pd”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, Sala ci crede: “Centrosinistra unito con me”. Poi attacca lo sfidante: “Parisi? Il vero sindaco sarebbe Salvini”

next
Articolo Successivo

Mattarella in Africa, le ragioni della missione: caccia ai voti per i seggi all’Onu, lotta al terrorismo e nodo migranti

next