Il ritorno di Silvio Berlusconi parte dalla Sicilia. Sondaggi non incoraggianti, il suo candidato Guido Bertolaso sempre più solo a Roma e gli alleati del Carroccio incontentabili: l’ex Cavaliere ha deciso che per sbloccare la situazione in favore di Forza Italia serve la sua mano. E dalla due giorni forzista organizzata a Palermo, riparte attaccando quelli che vede come i principali nemici: il M5s. “Si parla di una forte infiltrazione di magistrati di sinistra nel Movimento 5 stelle”, ha detto nel suo comizio. “Una altissima percentuale dei deputati del M5S non presenta la dichiarazione dei redditi, è gente che non ha fatto niente per sé e per la propria famiglia e dicono pure che è ‘vero siamo fancazzisti‘. Si sono trovati una trentina che hanno fatto scuola, belli e telegenici: hanno chiamato dei tecnici dagli Usa che li hanno istruiti, da Di Maio a Fico, da Di Battista a Virginia Raggi e hanno deciso di fare andare il partito in tv. Erano al 22,6 per cento e in quattro mesi hanno portato il partito al 28 per cento”.

Video da LiveSicilia

 

Berlusconi ha ripetuto ancora una volta che la vittoria 5 stelle sarebbe una tragedia: “Dobbiamo impedire che il nostro Paese vada nelle mani del M5S. Sarebbe un disastro, una tragedia. Avremmo un Paese controllato da un movimento pauperista e giustizialista“.

Oltre un centinaio di persone si è radunata al teatro Politeama per la manifestazione azzurra “Forza alziamoci“: “E’ davvero un’emozione ritrovarvi qui, così tanti, dopo 22 anni. Lo slogan di questa manifestazione è evocativo di quell’inno che ci commuove ogni volta che lo ascoltiamo”. E ha poi annunciato la sua sfida per le prossime amministrative: “Per vincere contro il Pd e il M5s ho immaginato che questo vecchietto debba ritornare in campo. Come? Non solo televisione e radio. Ho deciso finalmente di studiare internet. Faremo una campagna elettorale su internet, ma non solo. Un’altra strategia è di creare un esercito dei difensori del voto nelle 62mila sezioni italiane”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

M5s Rimini, Questore chiede trasferimento per 2 poliziotti: “Attività politica mentre erano in servizio”

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, perché voto NO

next