Le autorità nordcoreane hanno rilasciato un video ripreso dalle telecamere di sorveglianza dell’hotel Yanggakdo di Pyonyang che mostrano lo studente americano Otto Warmbier mentre tenta di rubare un manifesto di propaganda politica. Un crimine che gli è valso una condanna a 15 anni di lavori forzati a inizio 2016. Secondo la televisione della Corea del Nord, la breve sequenza video è stata mostrata come prova al processo contro il 21enne. Nelle immagini in bianco e nero, si vede il giovane rimuovere il manifesto, una scritta bianca su sfondo rosso, di un metro di lunghezza da una parete e poggiarlo a terra. Il messaggio è parzialmente oscurata, ma sembra che lo slogan sia in onore del patriottismo di Kim Jong Il, padre dell’attuale leader nordcoreano Kim Jong-un. La Casa Bianca ha accusato Pyongyang di usare lo studente come una pedina politica, affermando che la sua condanna è stata sproporzionata rispetto al reato commesso

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eduard Limonov, lo scrittore russo ricoverato in rianimazione: “Sono stato quasi nell’aldilà, ma ora mi sento bene”

next
Articolo Successivo

Terrorismo, sparatoria a Bruxelles. Procura: “Impronte di Salah nel covo perquisito”

next