In una sparatoria nella periferia di Burns nell’Oregon (Usa), il 26 gennaio scorso la polizia federale ha ucciso uno degli allevatori che protestano dal 2 gennaio contro il divieto di pascolo e caccia nei terreni demaniali. La vittima si chiamava Robert “LaVoy” Finicum, 55 anni, proprietario di un ranch, che fin dal principio della protesta è stato considerato il portavoce del gruppo di ribelli. Cinque agenti dell’FBI sono finiti sotto inchiesta per aver mentito alle autorità sull’uccisione dell’uomo. Secondo Greg Bretzing, agente speciale incaricato dell’ FBI a Portland, non è ancora chiaro chi abbia sparato, mentre lo sceriffo della vicina contea di Grant, Glenn Palmer, ha descritto l’operazione di polizia definendola un agguato. Il filmato mostra due diverse angolazioni sincronizzate. Le riprese fatte con un cellulare dall’interno del automezzo della vittima e quella aerea dell’FBI. Ad ora, il procuratore ha giustificato l’operato degli agenti ritenendo che l’atteggiamento del sospettato stesse mettendo in pericolo la loro l’incolumità. Stando la versione degli agenti, Finicum continuava a muovere le mani nella tasca, rendendo ipotizzabile la presenza di un’arma da fuoco. Il video girato con il cellulare all’interno del cassonato hanno mostrano Finicum ignorare ripetutamente gli ordini della polizia ed evitare intenzionalmente il posto di blocco. Tentativo che ha portato il pick-up fuori strada dove la neve lo ha bloccato. Sceso dal mezzo, l’uomo è stato raggiunto dai colpi dei federali

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volontariato, abbandona la sua carriera di chirurgo estetico per dedicarsi ai cani

next
Articolo Successivo

Pazzi al volante: fermato con un albero di quattro metri incastrato nel cofano

next