Nel 2013 furono poco meno di 100.000 i votanti alle primarie del Partito democratico, in cui risultò vincitore Ignazio Marino. Questa volta ai gazebo dem sono andati a votare circa 43.000 romani, ma il presidente del partito e Commissario del Pd cittadino, Matteo Orfini, è soddisfatto: “E’ un buon risultato, un’ottima base da cui ripartire. Quello di tre anni fa era il risultato di un partito diverso: di un partito che poi è stato travolto dalle inchieste, in cui c’erano le file dei rom, le truppe cammellate, i voti taroccati, poi c’è stata Mafia Capitale e la fine della Giunta Marino, quindi quel risultato io non lo prenderei a modello”. Orfini guarda al recente passato: “Sei mesi i sondaggi davano il Pd al 16%, invece oggi ci danno primi. Siamo in perfetta in salute ed abbiamo un ottimo candidato sindaco: sette mesi ci avrei messo la firma”. E subito si proietta alla corsa per il Campidoglio: “Sarà una campagna elettorale durissima: la sensazione è che sarà una partita a due: Pd e M5S, perché la destra si è divisa, quindi difficilmente arriverà al ballottaggio e Marchini non mi sembra particolarmente forte. Poi come nel calcio: rispettiamo gli avversari, ma non temiamo nessuno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, Giachetti (Pd): ‘Programma scritto dalla gente non da Casaleggio associati’

prev
Articolo Successivo

Server email M5s, il blog di Grillo: “Solo fango del Pd. Notizie vecchie commentate da illazioni di ex parlamentari”

next