Doveva servire a smaltire la differenziata e invece gli abitanti di contrada Ponticelli, a Crotone, si sono ritrovati un impianto e una discarica di rifiuti solidi urbani a pochi metri dalla spiaggia, da uno stabilimento di latticini e da alcuni panifici. “Non riusciamo a vivere. C’è un fetore che ci costringe a chiuderci dentro casa”. Dura da anni la protesta dei cittadini e del movimento “No Eni” contro una discarica priva, secondo l’Asl di Crotone, delle necessarie autorizzazioni. Eppure continuano ad arrivare camion da cui fuoriesce percolato. “È un impianto abusivo che non doveva nascere in questa zona a vocazione turistica”, spiega Pietro Infusino del movimento “No Eni” di Crotone che aggiunge: “Non si trova neanche nei limiti di legge perché si trova a ridosso del mare. È un’impianto che va chiuso e delocalizzato. L’Asp ha comunicato che l’impianto non ha il certificato. Abbiamo fatto un esposto in Procura“. “Ci avevano promesso che – si lamenta un cittadino – qui sarebbero stati lavorati solo cartone e plastica. Questo non si è verificato”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

NoTav, contro-vertice prima del summit Renzi-Hollande: “Opera è un bagno di sangue per Italia e Francia”

next
Articolo Successivo

Dissesto idrogeologico: lo zen e l’arte della manutenzione fluviale

next