La parentela di Vincenzo Bontà con il boss Giovanni Bontade, di cui era genero, aveva fatto ipotizzare che il duplice omicidio avvenuto nella mattina del 3 marzo a Palermo, in cui sono rimasti vittime Giuseppe Vela e, appunto, Bontà, potesse riaprire la stagione delle guerre di mafia. Ma la Procura di Palermo ha fermato, poco prima dell’alba del 4 marzo, una coppia di coniugi, Carlo Gregoli, dipendente comunale, e Adele Velardo, casalinga, entrambi cinquantenni, con l’accusa di avere commesso il delitto. Secondo gli inquirenti della Squadra mobile, la coppia ha ucciso Bontà e Vela dopo una serie di alterchi per problemi di vicinato. A testimoniare contro la coppia un automobilista che era di passaggio in via Falsomiele al momento della sparatoria, e anche la registrazione di una telecamera di sorveglianza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mestre, arrestata per un omicidio confessa secondo delitto per cui era stata condannata un’altra donna

prev
Articolo Successivo

Roma, ragazzo di 23 anni massacrato a coltellate durante un festino a base di droga. Fermati due amici

next