La notizia è diventata anche un hashtag: #Berlusconivegetariano. L’ex presidente del Consiglio, come ha anticipato il Corriere della Sera, avrebbe deciso di non mangiare più carne per amore degli animali. Una notizia diventata talmente virale da potere incidere anche sulla sua popolarità. A dirlo al quotidiano di Via Solferino è la sondaggista del leader di Forza Italia, Alessandra Ghisleri.

Pur non spingendosi a misurare in termini di intenzioni di voti il peso della svolta, Ghisleri dice: “Lavorando con lui da anni so perfettamente che le vicende del Milan incidono tantissimo sulla popolarità del suo presidente. Eppure, da quello che vedo – prosegue – la notizia del Berlusconi vegetariano è stata molto, ma molto più virale di tutte le iniziative, le interviste e le notizie sulla celebrazione del trentesimo anno di presidenza del Milan, di cui si è tanto parlato negli ultimi giorni”.

Ma a smentire la notizia della svolta è Alberto Zangrillo, da anni medico personale di Berlusconi. “Non capisco a chi possano interessare certe scemenze, comunque non mi risulta che Berlusconi sia diventato vegetariano e lo dico perché segue alla lettera le mie indicazioni, di qualsiasi cambiamento ne sarei stato informato”. Berlusconi, spiega chi gli è vicino, segue un regime alimentare rigoroso. Evita soprattutto l’aglio, tanto che quando si trova a cena fuori ordina sempre piatti semplici senza condimenti, spesso prosciutto e mozzarella. La svolta vegetariana nella vita del quasi ottantenne leader azzurro non c’è stata, confermano i suoi, pur restando l’amore per gli animali. Primo fra tutti il suo cane Dudù.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Papa Francesco e la battaglia contro la Curia romana

next
Articolo Successivo

Lombardia, Consulta boccia legge contro la costruzione di moschee. Maroni: “Sinistra esulta: Allah Akbar”

next