“L’entrata nell’e-commerce legato all’enogastronomia con l’acquisizione di una parte delle quote in Foodscovery de il Fatto Quotidiano risponde ad un piano industriale specifico di rafforzamento che guarda al futuro e che nelle società editoriali di oggi deve obbligatoriamente puntare alla diversificazione”. Cinzia Monteverdi, amministratore delegato della società editoriale Il Fatto, spiega – in un’affollata conferenza stampa a Roma – quale sarà il ruolo della nostra azienda nel portale (www.foodscovery.com) che permette ai piccoli produttori italiani di vendere i loro prodotti locali. Una scelta nata dalla volontà di sostenere il made in Italy di alta qualità garantendo allo stesso tempo ricavi destinati a rafforzare l’informazione indipendente del Fatto. “Foodscovery rappresenta un progetto di e-commerce nel food – prosegue la manager – al quale si affiancherà anche un progetto di contenuti editoriali collegati. E abbiamo puntato su un portale che ha come centro i produttori locali, artigianali, indipendenti e d’eccellenza”. Le cifre? “La nostra società ha investito attualmente 250.000 euro, acquisendo una quota di circa il 7 %, con la facoltà – continua Monteverdi – di salire fino al 12% in relazione al raggiungimento di target concordati e fino al 20% con un accordo di media for equity”. La piattaforma è nata a fine del 2014 dall’idea di due ragazzi pugliesi, Fabio Di Gioia e Mario Sorbo. “Il volume d’affari legato all’e-commerce dei prodotti enogastronomici, stando al dato del 2014, è di 280 milioni di euro e gli utenti sono passati da 950 mila del 2014 – dichiara Di Gioia – ai 4 milioni circa del 2015 che comprano in questo settore. Noi contiamo su 180 produttori locali dopo una selezione di oltre mille richieste e – continua l’imprenditore – siamo passati da un centinaio di ordini al mese a oltre 1800 al mese”. “Questa operazione – afferma Layla Pavone, Amministratore delegato di Digital Magics per l’Industry Innovation – che ci ha visto coinvolti nel ruolo di ‘registi‘, è un concreto esempio di come le aziende italiane possano innovare per crescere attraverso il contributo delle start-up. Abbiamo investito in questa impresa dopo una selezione attentissima, cercando di coniugare i valori de Il Fatto con quelli di una giovane azienda digitale con finalità ambiziose”.

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2016, trionfo Stadio: “Vittoria? Per la passione del racconto. Lucio Dalla nostro angelo custode”

next
Articolo Successivo

Giornata mondiale del gatto, è lui il re dei social network

next