Un 53enne è stato gambizzato in Via Nomentana, a Roma, nella mattinata di martedì 9 febbraio. Si tratta di Ubaldo Corgenti, istruttore federale di equitazione, che secondo le prime ricostruzioni è stato avvicinato intorno alle 7.30 mentre camminava nei presi del centro ippico dove lavorava: due persone si sono avvicinate a lui e dopo averlo chiamato per nome hanno esploso sei colpi di pistola indirizzandoli alle gambe.  Sul posto sono intervenute le volanti della polizia e gli uomini della Squadra mobile di Roma, mentre il ferito è stato trasportato in ospedale in codice rosso. Non è in pericolo di vita, ma è comunque in condizioni gravi. Per chiarire la dinamica dell’agguato la polizia sta ascoltando in queste ore altri impiegati del centro ippico, che potrebbero aver visto gli aggressori.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni, pm Roma sente i genitori: non temeva per la sua incolumità. Egitto: “Polizia non coinvolta, no insinuazioni”

next
Articolo Successivo

Meningite, Toscana vara piano di “vaccinazione intensiva”. “Situazione straordinaria, ma non è epidemia”

next