La somiglianza un po’ c’è e il gioco di luci e ombre aiuta a confondere le idee, ma scambiare Madonna con Paola Barale non è una cosa così scontata. Eppure c’è chi l’ha fatto: sulle pagine social ufficiali della cantante americana è apparsa una foto con la didascalia “Non fumo ma mi piace accendere il fuoco” e hashtag #rebelhearttour (il nome del suo decimo tour mondiale). Peccato che la ragazza con i boccoli e la sigaretta in mano immortalata in posa sexy non fosse Madonna ma Paola Barale. Lo staff che gestisce i social della cantante deve aver fatto un po’ di confusione: vero è che all’inizio della sua carriera la showgirl italiana giocava accentuando la sua somiglianza con la cantante.

Il primo ad accorgersene è stato il produttore discografico Rudy Zerbi, che sotto la foto postata su Instagram ha commentato: “Scusi signora, volevo avvisarla che questa è Paola Barale. It’s Paola Barale”. Zerby ha poi twittato l’immagine con tanto di commento e la notizia è diventata subito virale, facendo salire l’hashtag #paolabarale in cima alla classifica dei trend topic.

Dopo la gaffe la foto è sparita dal profilo Instagram della cantante ma continua a comparire sulla pagina ufficiale di Twitter dove si susseguono commenti e foto ironici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, azienda trasporti rifiuta la pubblicità di una pièce teatrale. “La merda potrebbe offendere”

prev
Articolo Successivo

Sexout, 10 modi per combattere il calo della libido: dal sesso a pagamento alle darkroom

next