“Questa cosa del modello Milano Tronca l’ha presa un po’ troppo sul serio”. “Bergamo alta? No, Roma bassa”. Sono alcune delle frasi ironiche che circolano sui vari social e che prendono in giro la capitale italiana, svegliatasi oggi avvolta dalla nebbia. Uno spettacolo insolito per i romani: dal Gasometro al Circo Massimo, dal Lungotevere al Quirinale passando per l’Eur, palazzi e monumenti sono avvolti da un’atmosfera surreale che qualcuno ha paragonato a quella dei film horror modello “Silent Hill”. Impossibile poi vedere il Foro Palatino oltre l’Arena.

“Ma c’è in programma la visita di qualche milanese a Roma?”, scrive Francesco su Facebook e su Twitter qualcuno lancia l’appelo: “A.A.A cupolone cercasi, smarrito per nebbia. Rivolgersi a Papa Francesco”.

Oltre all’ironia però la nebbia ha causato anche parecchi problemi all’aeroporto di Fiumicino che ha registrato ritardi nella partenza e arrivo dei voli a causa della scarsa visibilità. Due voli, provenienti da Berlino e Atene, sono stati invece dirottati al Leonardo da Vinci, sempre a causa della nebbia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Statue coperte per Rohani, chi grida alla sottomissione fa più danni della censura

prev
Articolo Successivo

Bioetica, Papa Francesco: “La Chiesa non rivendica alcuno spazio privilegiato”

next