L’inviato de La Gabbia (La7), Nello Trocchia, è andato a Laterina (Arezzo), sotto casa della famiglia Boschi, per cercare di capire qualcosa in più sui rapporti del padre Pier Luigi con il faccendiere Flavio Carboni, condannato per il crac del Banco Ambrosiano e a processo perché ritenuto ideatore della loggia P3. Si imbatte in primis nel ministro Boschi, a cui chiede se mai incontrerebbe Carboni e se difenderebbe ancora suo padre, e lei risponde augurandogli “buona domenica e buon lavoro”. Trocchia ha un colloquio telefonico con Flavio Carboni, che ribadisce: “Ho incontrato Pier Luigi Boschi. Questo è verissimo. E quando mai l’ho negato? Verdini nel governo Renzi? Stimo Verdini, stimo il governo, quindi non ho niente da dire di più”. Trocchia intervista anche il cronista de Il Fatto Quotidiano, Davide Vecchi, sulle due multe che il padre del ministro Boschi ricevette, una per evasione fiscale l’altra per violazione delle norme anti-riciclaggio, da parte dell’Agenzia delle Entrate. Il cronista poi intercetta il fratello del ministro, Emanuele Boschi, impiegato nel settore controllo dei crediti deteriorati di Banca Etruria, ma il funzionario non risponde

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banche, Peter Gomez: “La politica ha chiuso gli occhi, da sempre gode di favori dagli istituti”

prev
Articolo Successivo

Gay vs etero, quando i luoghi comuni s’invertono: “Voi eterosessuali siete una lobby”

next