Nella sua consueta copertina a DiMartedì, Maurizio Crozza non risparmia il presidente iraniano Rouhani e il rigido protocollo per la sua visita italiana, che ha spinto addirittura a coprire le statue raffiguranti dei corpi nudi: “Oggi è arrivato il presidente dell’Iran che incarna il ventunesimo secolo. Ci ha fatto coprire con degli scatoloni bianchi delle statue di duemila anni fa perché rappresentavano dei corpi nudi. La venere capitolina l’ha fatta diventare una scarpiera dell’Ikea”. Poi insiste: “Ricapitoliamo, praticamente oggi un signore con un asciugamano in testa ci ha fatto coprire delle statue perché si sentiva offeso da delle zizze di marmo“. E conclude: “Ma questo signore è uno che sta portando 17 miliardi di investimenti per le imprese italiane… e per 17 miliardi non vuoi rinnegare delle statue di marmo marcio? Il problema è che coprendole le hanno fatte diventare delle cabine elettorali, a quel punto si è offeso Renzi… cabine elettorali? Non dovevate farlo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Primarie Milano, Balzani: “Sala e vicenda architetto? Chi ha ruolo pubblico non deve mai trovarsi in imbarazzo”

prev
Articolo Successivo

Tiziano Renzi col colbacco e il sigaro all’inviato di ‘Dimartedì’: “Si chiama Scazzola? Complimenti, ha un bellissimo nome”

next