L’agente Bobby White, ribattezzato dalla stampa come “the basketball cop“, ha mantenuto la sua promessa ed è tornato da quei ragazzi con cui aveva improvvisato la partita a basket che lo ha reso famoso. Insieme a lui e ad altri agenti del dipartimento di Gainesville (Florida), è venuto anche un mostro sacro dell’NBA: Shaquille O’Neal. Dopo aver fatto qualche tiro con i ragazzi, O’Neal fa promettere ai giovani che da grandi dovranno seguire le loro ambizioni, di aver rispetto per il prossimo e, soprattutto, della loro famiglia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis e le rivolte in Tunisia: cosa intende fare l’Europa?

next
Articolo Successivo

Parigi, tassisti contro Uber: roghi e tafferugli in piazza, traffico in tilt

next