“Il tecnico del Napoli mi ha dato del frocio e del finocchio. E’ un razzista e una persona del genere dovrebbe essere cacciata dal mondo del calcio”. Così l’allenatore dell’Inter Roberto Mancini ai microfoni della Rai racconta dell’alterco con Maurizio Sarri, mister del Napoli, durante la partita di Coppa Italia (vinta dai nerazzurri 2 a 0).  Insulti omofobi che potrebbero pesare a lungo sulla reputazione del tecnico dei partenopei. “In Inghilterra una persona del genere non metterebbe mai più piede neanche in un campo di allenamento”, continua Mancini che, prima di abbandonare il collegamento, si sfoga ulteriormente: “Sono fiero di essere frocio se Sarri è un uomo. Scusate, ma non ce la faccio a parlare della partita dopo questo episodio”. Sarri in conferenza ha poi dichiarato: “La prima cosa che mi è venuta in mente ho gridato, ma credo che le ‘cose da campo’ dovrebbero rimanere nel campo”. In un successivo passaggio ha aggiunto: “Ma non ce l’ho in alcun modo con gli omosessuali”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Basket, preolimpico a Torino. L’Italia del ct Messina in campo dal 4 al 10 luglio

prev
Articolo Successivo

Mancini, Sarri si scusa: “Nessuna discriminazione verso i gay, m’è sfuggito il termine”

next