Due mesi di rapine, pestaggi e minacce. E’ quanto andato in scena al parco Martin Luther King di Bollate, Milano, scelto da un gruppo di sedicenni come “territorio” dove mettere a segno violenze contro i coetanei, che venivano derubati delle biciclette e dei cellulari.

Gli episodi accertati sono sei e si sono verificati tra novembre e dicembre. L’aggressione si svolgeva sempre con il solito copione: la vittima – da sola o in compagnia – veniva accerchiata, insultata e poi picchiata. In alcuni casi qualcuno del “branco” ha tirato fuori dalle tasche anche un coltello a serramanico per rendere più credibile la minaccia.

Le aggressioni sono andate avanti fino a quando alcuni genitori non si sono rivolti ai carabinieri. Che non hanno impiegato molto a individuare e a denunciare tutti i componenti del gruppo alla Procura della Repubblica del Tribunale per i Minorenni di Milano per concorso in rapina, violenza privata, lesioni, percosse e minacce.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco, le parole di Benigni ci ricordano il nuovo corso del Vaticano

prev
Articolo Successivo

Cagliari, scontro frontale tra due treni della metropolitana: 70 feriti, 2 gravi – Fotogallery

next