C’è un sistema del credito in Italia che funziona alla grande, nel senso che ci sono le difficoltà e i problemi che tutti noi conosciamo che abbiamo affrontato, stiamo affrontando e affronteremo. Ma abbiamo delle realtà che sono autentici campioni europei“. Lo ha detto il premier Matteo Renzi alla presentazione di un protocollo ‘Diamo credito all’agroalimentare italiano‘, firmato con il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, e l’ad di Intesa San Paolo, Carlo Messina. “Il plafond previsto è di 6 miliardi di euro in tre anni. Vogliamo sostenere la crescita delle imprese e la creazione di nuova occupazione”, ha dichiarato il ministro Martina. Renzi non ha risparmiato battute: firmato il protocollo “con una penna da pochi euro, una penna della sobrietà”, ha poi raccontato di un brindisi fatto con vino italiano con il presidente francese François Hollande durante i lavori della Conferenza di Parigi sul clima. All’evento non sono state ammesse domande da parte dei giornalisti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Torino 2016, l’ex FI Ghigo: “Fassino ha lavorato bene. Renzi è il leader nuovo, grazie a Berlusconi”

next
Articolo Successivo

Riforme, ok calendario Senato: prima ddl Boschi poi rinnovo commissioni. Ira delle opposizioni: “E’ voto di scambio”

next