Da svariati giorni, in rete è stato diffuso un filmato erroneamente attribuito alle drammatiche vicende di Colonia. Il tam-tam parte da un video pubblicato su youtube e datato 8 gennaio 2016, ma già il giorno stesso viene divulgato un post pubblicato dalla giornalista tedesca Julia Leeb sul suo profilo facebook. La cronista ripristina la verità dei fatti, spiegando testualmente: “Questo video non è stato girato a Capodanno in Germania. Lo so. Lo so perché la persona che viene attaccata in questo video sono io”. I fatti risalgono a gennaio 2012, quando Julia Leeb si trovava a Il Cairo, in piazza Tahrir, nei convulsi giorni della “Primavera Araba”, e fu aggredita da un gruppo di uomini inferociti, così come immortalato da un testimone che ha ripreso tutto con il cellulare. “Erano gruppi organizzati che hanno cercato di creare il caos“, scrive la giornalista che nel suo post attacca duramente la politica estera di Angela Merkel. Il filmato fu caricato su Vimeo il 30 gennaio 2012, ma dopo 4 anni è rispuntato a seguito del caso Colonia ed è stato messo in circolazione come documento delle molestie del branco. Il 9 gennaio sembrava che i fatti fossero stati chiariti, ma purtroppo il Tg La7, nell’edizione serale di ieri, è inciampato nell’errore di riproporre le immagini, presentandole come legate ai fatti di Colonia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ashley Olsen, ipotesi cavo o collanina per strangolarla. “Nessuna lotta con il killer”

prev
Articolo Successivo

Allarme bomba all’aeroporto di Cuneo, trovati 15 grammi di esplosivo nei bagni

next