La notizia che Beppe Grillo vuole le dimissioni di Rosa Capuozzo (M5S) è arrivata a poche ore dal sit-in di solidarietà dei grillini a Quarto (Napoli). Una decisione che era nell’aria da giorni, ma che ha sorpreso in tanti dentro il Movimento. In primo luogo gli attivisti che si erano organizzati nelle stesso ore per una manifestazione in difesa del loro sindaco, ma anche alcuni portavoce nazionali. “In quale stanza è stato deciso?”, ha commentato su Facebook il sindaco Federico Pizzarotti. “Che sia giusta o meno questa posizione, decisa da non so chi, non è stata discussa, e questo oggi forma un grande vuoto”. Ma non solo. Tra i critici compaiono anche nomi di fedelissimi. Tra questi i senatori campani Sergio Puglia (che ha condiviso il video di difesa diffuso dal sindaco domenica 10 gennaio) e Paola Nugnes: entrambi domenica erano in piazza a Quarto per il flash mob per il sindaco. Ed entrambi sono rimasti sorpresi alla notizia che la linea dei vertici è cambiata all’improvviso. “Io avrei aspettato lo sviluppo dell’inchiesta”, ha scritto sui social network Nugnes,”se la Capuozzo dovesse passare dall’essere ‘parte lesa’ come al momento è dichiarata dalla magistratura, stessa, all’essere ‘parte inquisita rinviata a giudizio’ sarei senz’altro per le dimissioni. Senza se e senza ma”.

Molti attivisti in rete si lamentano perché non è stato fatto un voto tra gli iscritti per decidere come procedere. Secondo le ricostruzioni, domenica 10 gennaio Roberto Fico e Luigi Di Maio avevano contattato la stessa Capuozzo per chiederle di fare il passo indietro. E lei in risposta ha pubblica un video in cui ha annunciato la sua resistenza. Il sindaco di Parma, da sempre critico con la linea ufficiale del Movimento, è tornato a chiedere un meetup nazionale per migliorare la democrazia interna e perché si possano condividere in futuro decisioni simili: “Rosa è stata interpellata o si è seguita la consueta modalità di un fredda distaccata comunicazione senza diritto di replica? Ho sempre promosso l’idea di un meetup nazionale, proprio perché la politica è discussione e partecipazione, è organizzazione e dibattito, è decisione, confronto e partecipazione”.

COMUNICATO STAMPAIl gruppo del MoVimento Cinque Stelle di Giugliano, unitamente ai cittadini consiglieri, esprime,…

Posted by Movimento Cinque Stelle Giugliano in Campania on Lunedì 11 gennaio 2016

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi nasconde i regali di Stato. Non solo i Rolex ricevuti nel viaggio in Arabia

prev
Articolo Successivo

Quarto: Saviano chiama, il Movimento risponde

next