E’ stata trovata morta nel suo appartamento a Firenze. Sul collo sono stati segni ed ecchimosi che lasciano pochi dubbi agli investigatori: Ashley Olsen è stata strangolata. E’ dare l’allarme è stato il fidanzato della 35enne americana che da anni viveva nel capoluogo toscano.

L’uomo ha raccontato alla squadra mobile che tra giorni fa avevano litigato e da quel momento non si erano più visti. In questi questi giorni ha cercato più volte di contattarla. Senza mai ottenere una risposta. Per questo ha chiesto alla proprietaria della casa di portargli le chiavi e di andare con lui a vedere cosa fosse accaduto. Quando i due sono entrati nell’appartamento hanno scoperto il corpo.

La Olsen lavorava nel mondo dell’arte, così come il padre che vive a Firenze e ha proceduto al riconoscimento del cadavere. Anche il fidanzato, fiorentino, è pittore. L’appartamento preso in affitto dalla 35enne, originaria della Florida, è al primo piano di un palazzetto in via Santa Monaca: una stradina corta che collega la trafficatissima via dei Serragli a piazza del Carmine, una delle zone più popolose dell’Oltrarno fiorentino.

In questura sono ascoltati oltre al fidanzato e alla proprietaria dell’appartamento, anche alcuni vicini di casa e negozianti della zona. La strada non ha telecamere di sicurezza ed eventuali richieste di aiuto da parte della donna potrebbero non essere state sentite anche a causa del traffico della vicina via dei Serragli. Intanto la polizia postale ha sequestrato il pc di Ashley Olsen, che potrebbe rivelare alcuni dei suoi ultimi contatti prima di essere uccisa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valanga in Svizzera, morti 2 italiani nel canton Vallese. Ferito anche un amico

prev
Articolo Successivo

“Salviamo il litorale”, ma il mare non c’è. Dai sindaci alle Asl, i documenti nati dai copia e incolla sbagliati

next