Lo show di Francesca Immacolata Chaouqui è andato in scena a San Sosti, paesino in provincia di Cosenza. Nel borgo calabrese la protagonista dello scandalo Vatileaks ha tenuto una conferenza stampa preannunciando nuove rivelazioni straordinarie sulla vicenda che la vede coinvolta perché sospettata di essere uno dei “corvi” del Vaticano. “È un processo senza prove. – si difende – Monsignor Balda? Completamente scollato con la realtà. Un giorno in Curia si è presentato con la mimetica“. Durante la conferenza, la Chaouqui rivendica le sue origini calabresi. Ma fuori dal pub dove ha incontrato i giornalisti, gli abitanti di San Sosti dicono di non averla mai vista in paese. E sullo scandalo Vatileaks: “Siamo un po’ indignati perché conosciamo il soggetto. Magari i parenti la difendono così come le persone che hanno avuto a che fare con lei per qualche favore personale”. Ma come è arrivata in Vaticano? La zia: “Ha avuto sempre la capacità di infilarsi dappertutto”. Lei dice che non ha mai guadagna niente: “Ci credo perché mia sorella e mia nipote le portano i soldi quando vanno a Roma” di Lucio Musolino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, i furbetti del museo: dipendenti spariscono dopo aver strisciato il cartellino

prev
Articolo Successivo

Ivrea, eliminato il wi-fi a scuola. Per il sindaco è “pericoloso per la salute”

next