Nuovi problemi per la giunta del Movimento 5 Stelle che da sei mesi guida il comune di Quarto (Napoli). Si sono dimessi stamattina l’assessore al Bilancio, Umberto Masullo ed il consigliere comunale Fabrizio Manzo.

I due hanno addotto motivi diversi per le dimissioni e apparentemente non in relazione con l’inchiesta della Dda di Napoli sul caso del consigliere grillino Giovanni De Robbio, indagato per tentata estorsione aggravata nei confronti del sindaco del suo stesso partito, Rosa Capuozzo, e di voto di scambio.

L’assessore Masullo già in rotta di collisione con il sindaco si è appellato a “motivi professionali”, mentre il consigliere Manzo a non precisati “motivi personali”. La giunta grillina, a inizio dicembre, aveva subito un’altra defezione, quella dell’assessore alla Cultura, Raffaella Iovine, che era andata via sbattendo la porta per divergenze con il sindaco. Il sindaco Capuozzo replicò di aver dimissionato l’assessore per il suo immobilismo.

Il 30 dicembre il primo cittadino ha tenuto una conferenza stampa per esporre la sua versione dei fatti in merito alla vicenda al centro delle indagini della Dda. La sindaca ha cambiato versione per la terza volta negando di “aver ricevuto minacce da De Robbio“. Nelle due deposizioni davanti al pm aveva prima respinto l’ipotesi di ricatto e poi l’aveva, il giorno dopo, invece confermata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gela, il sindaco Messinese espulso dal M5s: “Giudicato da corte marziale di bit”

next
Articolo Successivo

Politica: unire le forze progressiste, salvare la Costituzione e battere Renzi

next