E’ stata confermata in appello l’assoluzione dall’accusa di terrorismo, a Torino, mossa a quattro attivisti NoTav. Il processo si riferiva all’attacco del 14 maggio 2013, al cantiere dell’Alta velocità di Chiomonte, in Val di Susa. Già in primo grado l’accusa di eversione era caduta, ma la sentenza di secondo grado ha comunque confermato le condanne a 3 anni e mezzo per altri reati. I quattro giovani, ora agli arresti domiciliari, sono usciti dall’aula bunker fra abbracci e applausi dei numerosi NoTav presenti. Durante l’udienza, il procuratore generale Marcello Maddalena aveva detto che “per le leggi vigenti, il sabotaggio è terrorismo”, ma il tribunale ha deciso diversamente. “Per la quinta volta un’autorità giudiziaria ci ha dato ragione – spiega al termine dell’udienza l’avvocato della difesa Claudio Novaro – affermando che il terrorismo non c’entra con i fatti in questione. Speriamo che questa sentenza serva alla Procura per fare autocritica su come in questi anni è stata affrontata la questione Tav”  di Simone Bauducco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

NoTav, oggi la sentenza di appello per terrorismo. Pg: “Non ci sono bombe democratiche. Sabotaggio è eversione”

prev
Articolo Successivo

Processo Yara, difesa di Bossetti chiede i domiciliari e il braccialetto elettronico

next