Lionel Messi non ha frodato il fisco spagnolo, o meglio non può essere dimostrato. Il calciatore argentino è stato infatti assolto per mancanza di prove nel processo in cui era accusato di irregolarità sugli incassi di alcune partite benefiche organizzate dalle sua fondazione e disputate in America Latina nel 2012 e nel 2013. Per questo il giudice della corte di Barcellona ha archiviato l’indagine.

Nelle sfide benefiche tra i top-player amici di Messi e selezioni provenienti da tutto il mondo i biglietti costavano fino a 2500 dollari. Una parte degli incassi serviva a finanziare associazioni per i rifugiati siriani in Giordania, altri fondi erano destinati alla cura di bambini affetti da malattie incurabili in Argentina. Secondo l’accusa, invece, una parte dei soldi veniva usata per pagare proprio i calciatori che partecipavano alle partite. L’attenzione degli investigatori si è concentrata soprattutto su 1,3 milioni di dollari che sono stati versati su un conto della Carribean Nationa Bank di Curaçao, un paradiso fiscale. Ma secondo i giudici non esistono documenti contabili che provino l’esistenza di un reato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coppa del Mondo per club Fifa: dal portiere canguro al Guardiola de noantri, al riscatto di Scolari. Tanto poi vincerà il Barcellona di Messi

prev
Articolo Successivo

Armando Picchi, Milano e Radio Popolare celebrano il capitano dell’Inter più bella

next