Scene surreali al Parlamento ucraino, teatro di un bizzarro maxi-tafferuglio che ha coinvolto un numero massiccio di deputati. Il primo ministro Arseniy Yatsenyuk, nel presentare la sua relazione annuale al Parlamento, esortava i parlamentari ad approvare il bilancio dello Stato per il 2016, un nuovo codice fiscale e leggi che controllassero la vendita dei beni dello Stato. Ma, durante il suo intervento, è stato avvicinato dal rivale Oleh Barna, parlamentare del il Blocco di Petro Poroshenko, il quale gli ha offerto un mazzo di rose rosse e poi, con forza, lo ha buttato giù dalla tribuna, afferrandolo per i testicoli. L’ardito gesto è stato l’apripista per una rissa di massa, che è durata diversi minuti e che ha coinvolto deputati di entrambi i partiti, il Blocco di Petro Poroshenko e il Fronte Popolare di Yatsenyuk. Quando è tornata la calma, sono giunte le scuse dei rappresentanti delle due compagini politiche e il primo ministro ha commentato: “Non sono arrabbiato, ma qui ci sono un sacco di idioti”. Il suo aggressore, Oleh Barna, è stato espulso dall’Aula

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libia, Isis è presente “silenziosamente” a Sabrata da mesi. “Tripoli-Tobruk, c’è l’accordo per il governo: il 16 la firma”

prev
Articolo Successivo

Isis, Anonymous lancia il Trolling Day: sui social fotomontaggi e meme contro la propaganda dello Stato Islamico

next