Gli Eagles of Death Metal sono tornati oggi al Bataclan di Parigi per la prima volta dalla tragica notte del 13 novembre, quando l’irruzione dei terroristi durante un loro concerto fece 89 morti. Jesse Hughes e gli altri componenti della band californiana, in lacrime, hanno depositato fiori davanti alla sala concerti dove sono rimasti raccolti in silenzio per dieci lunghissimi minuti. Alcuni passanti li hanno applauditi. Andando via, uno di loro ha fatto il segno della vittoria. Lunedì sera gli Eagles of Death Metal sono stati ospiti degli U2, nella seconda data nella capitale francese, con cui hanno cantato insieme sul palco “People have the power

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezuela, la costituzione bolivariana non è in discussione

next
Articolo Successivo

Terrorismo, le diverse interpretazioni

next