Yahoo questa settimana deciderà se vendere le proprie attività principali sul web e la partecipazione nel gruppo cinese dell’e-commerce Alibaba. A rivelarlo è stato il Wall Street Journal, secondo cui il consiglio di amministrazione guidato da Marissa Mayer si riunirà per discutere entrambe le opzioni. Il core business dell’azienda che è stato uno dei pionieri del web comprende servizi come Yahoo Mail, le notizie e i siti sportivi e potrebbe attrarre società di private equity, media e aziende di telecomunicazione. Il gruppo non ha voluto commentare le indiscrezioni. Il board, scrive sempre il Wsj, inizierà oggi un esame delle varie opzioni sul tavolo e proseguirà i lavori fino a venerdì. Il solo investimento in Alibaba, di cui Yahoo ha il 15%, vale più di 30 miliardi di dollari.

La notizia arriva mentre Mayer, approdata in Yahoo da Google nel 2012, è sempre più alle strette. Il suo arrivo aveva suscitato la speranza che Yahoo riuscisse a tornare a competere con i leader di mercato Google e Facebook. Ma la strategia di rilancio social non ha dato i frutti sperati e l’acquisizione del sito di blogging sociale Tumblr per 1,1 miliardi di dollari nel 2013 non è stata un successo.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banca Etruria, chiuse le indagini per fatture false. Indagati tre ex dirigenti

prev
Articolo Successivo

Prestito sociale a cooperative, Bankitalia vuole una stretta. Coop: “Noi favorevoli, ma tener conto di specificità”

next