Per anni ha sostenuto di aver conseguito la laurea ma si era inventato tutto. Per questo il sindaco di Treviglio (Bergamo), Giuseppe Pezzoni, ha dato le dimissioni. Pezzoni era stato eletto nel 2011 con una coalizione formata dalla Lega Nord e dalla lista civica Io Treviglio. Forza Italia, invece, gli aveva tolto l’appoggio da tempo. A gennaio sarà quindi nominato un commissario prefettizio che sarà in carica fino alla primavera quando si terranno le elezioni comunali.

Pezzoni era anche dirigente scolastico dell’Istituto don Bosco dei Salesiani della città bergamasca, dove insegnava lettere dal 1993. La laurea mai conseguita era proprio in lettere. Quando è scoppiato il caso, nel settembre 2014, il primo cittadino aveva subito ammesso le bugia ed era partita un’indagine della Procura. Poco tempo dopo, insieme a quattro assessori della sua giunta, Pezzoni è stato coinvolto in un’altra indagine per un presunto abuso d’ufficio relativo alla realizzazione di un complesso sanitario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Classifica di “Politico.eu”, Boschi tra le 28 personalità più influenti d’Europa

next
Articolo Successivo

Consulta, 29esima fumata nera. Pd-Fi-Ap insistono su coppia Sisto-Barbera e lanciano Nicotra, ex candidata Pdl

next