Ennesima gaffe del presidente francese François Hollande durante la Cop21, la conferenza delle Nazioni Unite sul clima, tenutasi a Parigi. Il momento imbarazzante, immortalato dal magazine online “Le Petit Journal”, si è verificato quando Hollande ha ringraziato con toni cerimoniosi e ossequiosi il presidente uscente del Burkina Faso, Michel Kafando, appena sostituito da Roch Marc Christian Kaboré, vincitore delle elezioni del 29 novembre nello Stato africano. Ma, alla fine, il leader francese ha parlato sostanzialmente con una sedia vuota. O meglio, ha creduto di rivolgersi a Kafando, che però ha abbandonato a sorpresa il convegno e, quando Hollande è intervenuto per esprimere il suo tributo, ha confuso il destinatario del suo discorso con il ministro delegato presso il dicastero degli Esteri dello Stato africano, Moussa Bédializoun Nebie. Ed è proprio quest’ultimo che, con un sorriso eloquente e nell’imbarazzo generale, ha dovuto spiegare al leader francese che Kafando aveva lasciato la stanza pochi minuti prima

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Guantanamo, 13 anni in cella per errore. Usa: “Non era un membro di Al Qaeda”

prev
Articolo Successivo

Isis, in un video la decapitazione di un “agente russo”: “Mosca non avrà pace”

next