È un po’ come tornare bambini, quando con la palla di pezza si calciava in cameretta aiutandosi grazie alla sponda del muro. Gioco veloce e mai interrotto, tutto controllo e tecnica, il jorkyball ha riprodotto quelle partite senza tempo appartenute all’infanzia di qualunque ragazzino. Dopo l’esplosione seguita a Italia ’90, quando venne presentato al grande pubblico dal suo inventore, il francese Gilles Painez, e un periodo di flessione, questo calcio due contro due da praticare in una ‘gabbia’ di cinquanta metri quadri sta tornando a crescere.

Lungo la Penisola si contano ventisette campi e un migliaio di praticanti. Da Ostia Lido a Martina Franca, fino a L’Aquila, Milano, Perugia, Firenze e Nuoro, le sfide a jorkyball hanno ricominciato a prendere piede. E fanno dell’Italia uno dei Paesi più attivi assieme alla Francia, al Canada e a Israele, mentre campi sono appena stati inaugurati o sono in costruzione in Turchia, India, Portogallo e Giappone.

Una nuova primavera sbocciata grazie alla versatilità di uno sport che si adatta facilmente alla vita frenetica e alle abitudini fisiche di tutti. Nell’ultima Coppa Italia, giocata a Chiusi, nel Senese, ha vinto una coppia di cinquantenni. Gente che strisciato il cartellino e allentata la cravatta, corre sul campetto convocando altri tre amici. E via, si gioca senza dover rintracciare e riunire dieci conoscenti. Ma si divertono anche i bambini e non mancano le donne che si sono avvicinante al rettangolo in sintetico dove la sfera di feltro diventa una specie di palla matta. Così come il tennis si è evoluto nel paddle, il jorkyball rappresenta una costola del calcio: campo di 10 metri per 5, circondato da pareti di plexiglass che aggiungono una terza dimensione poiché è permesso l’uso della sponda. Un dettaglio che imprime velocità al gioco ed esalta chi ha buon controllo di palla e grandi riflessi. I ruoli? Due, da scambiare per regolamento. Un difensore e un attaccante: il primo può muoversi e toccare il pallone solo nella propria metà campo, l’altro è libero di spaziare lungo tutti i dieci metri.

La partita si gioca al meglio dei tre set, ognuno vinto dalla coppia più abile a segnare per prima sette reti nelle porte quadrate di un metro per un metro da difendere senza l’uso delle mani, proibito dal regolamento. Ma difficilmente accade che l’arbitro sia costretto a intervenire, poiché un’altra delle norme fondanti del jorkyball è il rispetto. Basti pensare che l’ultima espulsione in una competizione internazionale risale a undici anni fa e solitamente quando viene assegnata una punizione – abbastanza facile da trasformare poiché chi difende deve posizionarsi a un metro dalla porta – la palla viene restituita all’avversario. Insomma, il fischietto è fisicamente fuori dal campo, non solo per ragioni di spazio. Come avveniva nella stanzetta da bambini: si bisticciava ma pur di continuare a giocare si trovava una soluzione. Sui campetti di questo calcio in miniatura, certe regole non scritte ma istituzionalizzate ricordano molto il fair play del rugby. Altro che tuffi e simulazioni delle star del pallone mondiale. È il jorkyball, bellezza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kobe Bryant, addio all’Nba della leggenda dei Lakers: “Sono emozionato per i tanti messaggi di stima” – Video

next
Articolo Successivo

Olimpiadi, i cittadini non le vogliono più. Nei referendum vince sempre il “no”

next